Luoghi

Luoghi

Riserva Nazionale Masai Mara

Il Masai Mara, una delle più grandi riserve naturali dell'Africa, si trova a sud-ovest del Paese e coincide con la parte settentrionale del Serengeti National Park, condividendo la grande migrazione degli Gnu con il parco tanzano, ragione per cui questa zona è diventata tra le mete più ambite per fare un ottimo safari. Oltre che per la migrazione (agosto) questo parco è famoso per l'abbondanza dei grandi felini quali leoni , leopardi , ghepardi. Questo Parco vanta una delle più alte densità di leoni al mondo, oltre a oltre due milioni di Gnu, Zebre e Gazelle di Thomsonche migrano ogni anno. In tutto ospita oltre 95 specie di mammiferi e circa 570 specie di uccelli. Riserva Nazionale di Masai Mara si estende per 1510 km quadrati, su un altopiano a 1,500-2,170 metri sul livello del mare . Si può visitare il Masai Mara tutto l'anno, ma il periodi migliori sono: Da luglio a Ottobre per la migrazione - Da Dicembre a Febbraio per i grandi felini

 

Riserva Nazionale Samburu

La Samburu National Reserve si trova nella parte settentrionale del Kenya. Uno dei primi europei a visitare quest'area, nel 1860, fu il Conte Telekis Companion Von Holnel che nei suoi scritti ricorda quest'area per la grande quantità di bufali e rinoceronti . La Samburu National Reserve è una delle 56 aree protette del Kenya, famosa per la ricchezza di flora e fauna,sorge ad un'altitudine di 2785 metri sul livello del mare e si estende su una superficie di 390 km2. Samburu è stato annesso nel 1948 come parte dell'enorme Marsabit National Reserve e nel 1962 è stata costituita ufficialmente la Samburu Game Reserve.

 

Ol Pejeta Concervancy

L' Ol Pejeta Conservancy è situata in una zona considerata semi-arida, quindi essendo inadatta a piantagioni venne utilizzata per l'allevamento del bestiame e fino agli anni '70 era una zona altamente produttiva in questo campo e per questo fu organizzato un vasto sistema di approvvigionamento idrico e ad un buon sistema di recinzione. Ovviamente non era tollerata la presenza di fauna selvatica in un'area così prospera per l'allevamento ma nel cosro degli anni '70 gli insediamenti umani si spostarono nelle zone meridionali, e comincia a crescere in questa zona il numero di animali selvatici. Fino a diventare oggi un'area di conservazione e ottima destinazione di safari.

Lake Nakuru National Park

Lake Nakuru National Park, fu fondato nel 1961. Copre un’area di circa 180 kmq, circa 156 km a nord-ovest dalla capitale Nairobi, nella provincia della Great Rift Valley ed è uno dei posti migliori in Kenya per vedere i magnifici leopardi e, soprattutto nell'estremità meridionale del lago, i rinoceronti bianchi e neri, ma l'attrazione più famosa del parco sono certamente i migliaia di fenicotteri che nel lago trovano il loro rifugio attratti dalla presenza dell'alga Spirulina Platensis, che rende altamente alcalinica l'acqua del lago.

 

Amboseli National Park

L'Amboseli è un parco di 392 km2, riconosciuto come riserva nel 1899 e poi istituito parco nazionale nel 1974. Il parco, estraneo alla caccia di frodo del secolo scorso, è famoso per essere uno dei posti migliori in tutta l'africa Africa per ammirare gli elefanti oltre a molte altre specie animali. Incastonato al confine tra Kenye e Tanzania, offre una vista spettacolare del Monte Kilimanjaro . Amboseli ha un approvvigionamento di acqua sotterranea infinita filtrata attraverso migliaia di metri di roccia vulcanica dalla calotta di ghiaccio del Kilimangiaro , che incanalano in due sorgenti di acqua limpida nel cuore del parco . Il pendolo climatico può oscillare da siccità a inondazioni, in particolare l' incessante pioggia del 1990 ha cambiato l' Amboseli trasformandolo in una grande palude, per poi tornare, qualche anno dopo, una pianura erbosa e polverosa.

 

Lualenyi Game Reserve

La riserva privata di Laulenyi è una concessione privata di circa 40.000 ettari, situata nella regione delle Taita Hills, ai confini del parco nazionale dello Tsavo Ovest. Fino a pochi decenni fa era un vasto teritorio di caccia e il campo era la base logistica di questa attività. Oggi la caccia non è più praticara, tutto è incontaminato, e i grandi spazi sono costellati di animali selvatici.